Pieve Soligoinrete2Rete Veneta, che dall'insorgere della crisi la racconta nel Veneto, ieri sera ha scelto di farlo a Pieve di Soligo. A fare da cornice la serata inaugurale della prima edizione di #soligoinrete, martedì 10 novembre, il meeting sull'informazione sotto la regia organizzativa della Dplay srls, società editrice della nostra testata online Qdpnews.it. Sul palco dell'auditorium Battistella Moccia, a fare il "focus" nell'omonima trasmissione di Luigi Bacialli (nella foto a sinistra), alcuni dei principali attori coinvolti, per parlare di ristagno economico, ma soprattutto rilancio.

I media tradizionali cominciano a vedere il bicchiere mezzo pieno. Ma quando quella che fu tornerà ad essere ancora la locomotiva del Nordest ? "Qualche numero positivo comincia ad affiorare. Diciamo che la lancetta si sta spostando nel verso giusto", entra nel merito l'assessore regionale allo sviluppo economico e all'ambiente, Roberto Marcato.

"In realtà, però, questo non è un dato significativo - precisa l'assessore - Innanzitutto perchè il Veneto vive di export e, quindi, non gode di una ricchezza che viene dalla domanda interna. E perché, ancora una volta, il Veneto dimostra di sapersi arrangiare da solo".

Ma cosa pensano gli imprenditori ? Coloro che ogni giorno toccano con mano questa realtà ? "La crisi ? Qualche vantaggio, dalle ultime riforme, l'abbiamo ottenuto. Noi l'abbiamo superata seguendo il mercato, individuando le dinamiche più giuste. Con una ricetta: la famiglia. Il valore famiglia è stata determinante - commenta Nicoletta Milani (nella foto in basso), presidente dell'omonima impresa di arredi da ufficio - La politica ? Deve investire sulle imprese: se noi lavoriamo, creiamo e diamo lavoro. Dove investire ? Sulla ricerca, ad esempio".

Il microfono passa a Palazzo Ferro-Fini. "E' un dato di fatto che oggi chi crea occupazione è la piccola e media impresa. Il Veneto si sta riprendendo grazie alle sue imprese e alle sue famiglie, nonostante l'Italia. Ma servono ricette, non motivatori di convention alla Renzi", aggiunge Marcato. "Servono banche vicine agli imprenditori e agli artigiani, non banche che pensano ad arricchirsi facendo finanza. Le banche hanno fatto macelleria sociale", la ricetta Jacopo Berti, capogruppo del Movimento 5 Stelle, a Venezia.

Nel cuore dell'area del Docg, non manca l'apppiglio ad uno degli export maggiormente in ascesa. "Il successo del prosecco nonostante la crisi ? Frutto di storia, ricerca e formazione - sorride al mercato Innocente Nardi, presidente del Consorzio di Tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore - Per vendere in tutto il mondo, sposando gusti e culture diversi, serve investire sulla formazione. E noi lo stiamo facendo. Facendo rete e creando anche integrazione ai redditi delle famiglie. Io credo che il modello Prosecco dovrebbe moltiplicarsi".

Pieve Soligoinrete7