Pieve Soligoinrete1Ieri sera, martedì 10 novembre, si è alzato ufficialmente il sipario sulla prima edizione di #soligoinrete, meeting sull'informazione organizzato dalla Dplay srls, società editrice del nostro quotidiano online Qdpnews.it. Ad aprire le danze la diretta televisiva di "Focus" (Rete Veneta) dall'auditorium Battistella-Moccia di Pieve di Soligo. Tema caldo, nel salotto (eccezionalmente) itinerante di Luigi Bacialli, è stata l'emergenza profughi, proprio all'indomani dell'arrivo di una trentina persone a Treviso. In attesa che la richiesta di asilo venisse formalizzata, il gruppo ha trascorso la notte davanti alla Questura.

Ma l'attenzione rimane alta anche nei Comuni del capoluogo di Marca. "Profughi ? Per il momento noi non abbiamo problemi ... per quel che ne possiamo sapere, visto che noi sindaci siamo tenuti all'oscuro di tutto", ha tuonato il sindaco di Farra di Soligo, Giuseppe Nardi.

"Però mi pare di avere capito che una delle due nigeriane arrivate a Farra aveva un'infezione e l'altra, dopo aver lasciato il paese, è scomparsa ... Io dico, è un dovere ospitare i profughi, ma chi pensa ai nostri pensionati con 500 euro al mese ?", prosegue il primo cittadino. Che attacca: "E faccio presente che io ho gli alunni nei container perché lo Stato non mi permette di edificare una nuova scuola primaria a Col San Martino ! Inutile che mi parlino di riforme, quando i Comuni sono gli unici a subire i tagli ! Qua i conti non tornano".

Nei 600 Sms giunti alla trasmissione, si parla soprattutto di questo. "Chi pensa ai padri di famiglia che fanno la fila in municipio per chiedere un lavoro per mantenere i figli a scuola ? C'è gente che neanche conosco che si presenta con le lacrime agli occhi ! Pensiamo a questi !", ha aggiunto il primo cittadino. A cogliere la palla al balzo (e l'applauso dei presenti in sala), l'assessore regionale, Roberto Marcato. Poco spazio ai giri di parole: "Siamo di fronte ad una deriva pericolosa. Sono in arrivo milioni di profughi, quando in Veneto abbiamo 40 mila stranieri disoccupati ... dove vogliono portarci questi commissari europei ?".

Pieve Soligoinrete3